Home » » Madonna di Loreto, in collina si rinnova la tradizione

 

Madonna di Loreto, in collina si rinnova la tradizione

ALLUMIERE - TOLFA - Nei Comuni di Tolfa e Allumiere anche in questo 2019 è stata rinnovata la tradizione di festeggiare la Madonna di Loreto con i fuochi in piazza, con brulé e cioccolata calda. A Tolfa a rinnovare la tradizione sono stati gli attivissimi soci dell'Asd Cavalieri Tolfa. "Anche quest anno il fuoco per la Madonna di Loreto è stato acceso - scrivono i membri dell'Asd Cavalieri Tolfa - grazie a tutti e, in particolare, grazie ai bambini per aver partecipato portando un ciocchetto alla Madonna! Grazie da parte della Asd Cavalieri di Tolfa. Al prossimo anno". Ad Allumiere grande falò, tanta devozione e allegria in piazza della Repubblica. "Terminata la conferenza sulla sanità nel territorio, tutti in piazza con "i ragazzi della farfalla", l'Università Agraria e la Protezione Civile per rinnovare la tradizione dell'accensione del fuoco in piazza. Ospiti della serata Michela Di Biase, Emanuela Droghei, Alessandro Di Cori, Giuseppe Quintavalle, Francesco Quagliariello, Maria Cristina Serra - spiega il sindaco Antonio Pasquini - I fuochi della Madonna venivano accesi a Fano e dintorni la sera del 9 dicembre, come del resto anche nelle Marche, in Umbria e poi nel Lazio. Una delle più suggestive leggende marchigiane, è senza dubbio, quella detta “La Venuta” (che la Chiesa ha accolto come fatto miracoloso, ma reale). Si tratta della traslazione della “Santa Casetta di Nazareth”, che in un primo momento si era posata sul lido dalmata, attraverso l’Adriatico, per posarsi definitivamente sopra una amena collina, in mezzo ad un bosco di lauri, sulla sponda marchigiana o picena, come si diceva allora. Il fatto miracoloso sarebbe avvenuto nella lontana notte dal 9 al 10 dicembre 1294, allorché, sotto un cielo tutto trapunto d’oro da miriadi di stelle e sopra un mare placido e sereno, sorretta da una corona di Angeli che cantavano in coro una dolcissima canzone celeste, la “Santa Casetta di Nazareth”, tutta illuminata di un fulgore paradisiaco, fu vista, dalle popolazioni attonite, trasvolare sul mare e posarsi sur un colle del Piceno (oggi Marche) detto dei lauri, donde laureto e poi Loreto”.

(11 Dic 2019 - Ore 10:41)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.


Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Elisabetta Nibbio - Riproduzione riservata.
È vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy