Home » » Letture oblique: gialli, noir, thriller e altri mondi oscuri

 

Letture oblique: gialli, noir, thriller e altri mondi oscuri

La rubrica del noto autore Saladini per scoprire questo affascinante universo. Un viaggio per conoscere le differenti articolazioni di uno dei generi più amati

di GINO SALADINI

CIVITAVECCHIA - Letture Oblique inizia la sua esistenza su carta illustrando le differenti articolazioni di un genere che frequento sia come lettore che come scrittore. Mi riferisco a quella congerie di romanzi che appartengono all’universo del giallo-noir, un mondo letterario in cui è indispensabile orientarsi, anche soltanto per parlarne in maniera colloquiale. Quali sono le differenze tra un giallo, un noir, un hard boiled, un thriller, un poliziesco (polar nell’accezione francese) e una spy story? Il termine “giallo” per indicare la letteratura poliziesca è utilizzato soltanto in Italia. Questo a partire dal 1929, anno in cui la casa editrice Mondadori iniziò la pubblicazione della collana “I libri gialli”, che si chiamava così soltanto perché le copertine dei romanzi erano di colore giallo, con un’illustrazione centrale bordata di rosso. La collana ebbe un grande successo e, di fatto, ha determinato, nel nostro paese, l’associazione del termine giallo alla narrativa che racconta storie di crimini, di delitti, d’indagini di natura poliziesca e di misteri. In realtà, come romanzo giallo, almeno attualmente, va considerato un tipo di narrativa che ha certamente al centro del suo plot l’investigazione legata a fatti criminali, ma in cui debbono essere rispettati alcuni punti essenziali: il presupposto che nel mondo esiste un ordine e che il crimine genera un disordine che va ricomposto; il fatto che il percorso d’indagine deve essere assolutamente razionale e basato sulle deduzioni legate al vaglio critico di indizi, testimonianze, prove, tutti condivisi con il lettore, in un gioco intellettuale che non ammette elementi fuorvianti e senza spazio per elementi sovrannaturali; l’individuazione del protagonista in un investigatore, spesso privato o dilettante, che scopre l’autore di un delitto generalmente all’interno di una ristretta cerchia di personaggi e in un ambiente ben delimitato. Maestra del romanzo giallo così identificato è la scrittrice inglese Agatha Christie. Hercule Poirot e Miss Marple sono le trasposizioni letterarie di detective più adatte a far comprendere le dinamiche del racconto giallo e opere come Assassinio sull’Orient Express e Istantanea di un delitto, per citare soltanto due tra i tanti capolavori della Christie, sono due testi emblematici del genere.

(22 Nov 2019 - Ore 12:03)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.


Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Elisabetta Nibbio - Riproduzione riservata.
È vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy